Carisma

Natura, Fine e Carisma


Chiamate alla sequela di Cristo, nello spirito della conversione e della penitenza francescana, desideriamo rispondere a questo invito con spirito di fedeltà, coniugando i valori profetici delle nostre origini, con la esperienza storica e spirituale, nella quale abbiamo coltivato, precisato e aggiornato gli insegnamenti del nostro venerato Fondatore, il Servo di Dio P. Simpliciano della Natività, nella più assoluta fedeltà alla Santa Madre Chiesa e con umile attenzione alla chiamata che ci è venuta da fratelli e sorelle incontrati lungo la nostra storia.

Con le presenti Costituzioni o Regola di Vita desideriamo far rivivere quello spirito, rendendolo comprensibile e amabile al mondo contemporaneo che guarda, con rinnovato interesse, a Francesco di Assisi e ai suoi “Penitenti”, al suo messaggio di pace universale e di accoglienza dei più deboli fino a renderli “fratelli”, partecipi della nostra vita e della nostra missione”.


Natura, Fine e Carisma

La natura della nostra Congregazione si compendia nel concetto di “fraternità francescana”, attuata nello spirito di una famiglia, nella quale ciascuno, secondo i doni ricevuti dal Signore, mette in comune la sua testimonianza e la sua operosità.

Nella natura della Congregazione si coniugano gli atteggiamenti di conversione e penitenza francescane, a cui il venerato Fondatore iniziò le prime ragazze raccolte; parimenti, in questa tensione morale cerchiamo di essere segno di riconciliazione e di recupero per i fratelli e le sorelle più deboli e a rischio nella temperie umana.

Per questo ci disponiamo ad un naturale atteggiamento di accoglienza e di recupero educativo attraverso la scuola, le case famiglia, l’assistenza alle nuove povertà morali e sociali, nello spirito del Fondatore, che, attraverso il recupero di ragazze e orfane abbandonate o sfruttate, si pose, come un nuovo Francesco, dinanzi alle sfide umane e morali del suo tempo.

Il Fondatore da Roma sospinse le sue figlie nei difficili territori dell’Italia meridionale, generandole a quell’ansia missionaria, distintiva di ogni cristiano, e dei francescani in particolare. Anche noi, dietro questo esempio, in un mondo reso più piccolo dai mezzi di comunicazione, ci affacciamo oltre le nostre frontiere, dove siamo chiamate a testimoniare il nostro carisma.

La nostra natura di Suore Francescane, dal 1902 è contrassegnata da particolare attenzione e devozione al Sacro Cuore di Gesù e al Cuore Immacolato di Maria, elementi spirituali fortemente presenti nella tradizione spirituale francescana. La nostra sequela, perciò, si riscalda anche a queste due fiamme di amore inestinguibile.

Con le antiche parole, piene di sapienza e attenzione storica, possiamo tracciare il fine della nostra operosità carismatica nella Chiesa e nel mondo:

a. Riabilitazione: attenzione alle ragazze e donne in necessità morali e sociali, con lo scopo di riconciliarle nella conversione al Padre e reinserirle nel vivo del tessuto sociale.

b. Prevenzione: attenzione a bambini e  giovanissimi provenienti da situazioni familiari a rischio o da altri sentieri di rifiuto e conflittualità.

c. Accoglienza: dei più deboli e attenzione alle nuove povertà morali e sociali del nostro tempo, adeguando i nostri mezzi di presenza,  secondo la domanda  territoriale  ed ecclesiale.

d. Educare: accogliere, prevenire, riabilitare con i mezzi di una sana educazione, che comporta il nostro inserimento nel campo scolastico, come nuova frontiera della stessa accoglienza.

Il lavoro manuale, pastorale, intellettuale, speciali mansioni nel campo educativo costituiscono lo sfondo per una vita domestica intonata alla fraternità e alla condivisione; in modo che, mentre formiamo e riabilitiamo noi stesse con il lavoro, possiamo rendere una chiara e amorevole testimonianza di riconciliazione divina, ecclesiale e sociale. Questo ci permette di incarnare nuovamente, e in maniera storica più comprensibile, gli antichi orientamenti carismatici della nostra Famiglia Religiosa, che lo stesso venerato Fondatore sintetizzò nella felice coniugazione di “Casa di Riabilitazione ”.

Commenti chiusi